Pro e contro della pressoterapia

0
218
pressoterapia-fai-da-te

A che cosa serve la pressoterapia?

Praticata già da più di 20 anni, con l’arrivo e l’esecuzione anche nei centri estetici, la pressoterapia ha conosciuto negli ultimi tempi un discreto successo.

Ecco che, incuriositi, abbiamo deciso di scoprire di che cosa si tratta, come funziona e quali vantaggi, ed eventualmente svantaggi, porta.

Da un primo approccio alla tematica abbiamo intuito che c’è molta disinformazione riguardo alla pressoterapia, nel senso che sono in molti a ritenere che si tratti di un trattamento anti cellulite e, di conseguenza, che sia destinato ad un target quasi esclusivamente femminile.

Come abbiamo detto in apertura, la pratica della pressoterapia ha già una sua storia alle spalle, una storia che è nata in ambito medico e si è sviluppata dunque presso ambulatori e studi medici.

Infatti, a differenza di quanto erroneamente si creda, la pressoterapia è nata come cura per risolvere problemi linfatici, di circolazione ed insufficienza venosa.

Da ciò si può quindi iniziare ad intuire qual è la finalità di questa terapia: essa viene praticata nei casi di gambe pesanti, paralisi degli arti, linfedema e, sì, anche nei casi di stati più o meno avanzati di cellulite, in quanto favorisce il trasporto dei liquidi nel corpo.
Attraverso delle compressioni controllate, che vengono recepite dal corpo come dei massaggi energici, ma non invasivi, si va a ripristinare la naturale circolazione sanguigna.

Pressoterapia: trattamento medico o trattamento estetico?

Per questo la pressoterapia è utile sia come trattamento medico sia come trattamento estetico: nel primo caso è il personale medico ad eseguire le cure, nel secondo caso è solitamente il personale dei centri estetici, personale cioè che ha la qualifica di estetista.

Ci teniamo a specificare queste differenze per non lasciare dubbi e per consigliare a chiunque decida di sottoporsi a dei cicli di pressoterapia di rivolgersi prima ad un esperto.

Pur quanto vi sia chi sostiene che, al pari di altri trattamenti, anche la pressoterapia può essere una terapia fai da te, cioè da poter svolgere autonomamente a casa propria.

Dal punto di vista del funzionamento la pressoterapia si basa su un apparecchio elettronico che manda dei flussi d’aria a dei cuscinetti che vanno collegati a delle fasce, le quali si gonfiano quando ricevono, appunto, la pressione dell’aria.

Chi si sottopone a questo tipo di terapia indossa quindi dei gambali, bracciali o fasce addominali un po’ bizzarri che veicolano l’aria ed eseguono un massaggio, infatti la sensazione che si prova è piacevole.

Per consentirvi poi di avere una conoscenza generale della pressoterapia ancora più approfondita riteniamo utili le seguenti informazioni:

  • la terapia va eseguita lontano dai pasti, possibilmente a stomaco vuoto, o quasi;
  • ogni seduta dura sempre almeno 15 minuti e non supera mai i 60 minuti;
  • la durata di tutta la terapia dipende, ovviamente, dal tipo di problema, dallo stato di avanzamento della patologia all’inizio delle sedute, dai risultati che si ottengono e dai risultati che invece si vorrebbero ottenere.

    Ci sono pazienti e clienti dei centri estetici che interrompono a loro discrezione i cicli terapeutici fin dai primi miglioramenti, tralasciando il margine che potrebbe consentire loro di sentirsi e/o vedersi ancora meglio.

Vantaggi e svantaggi della pressoterapia

In ultimo, possiamo dire che i vantaggi della pressoterapia si rintracciano nei risultati, i quali possono essere maggiori se uniti a delle attività di prevenzione della ritenzione idrica.

Un’alimentazione corretta, sana ed equilibrata, unita ad una leggera attività fisica, tanto durante la fase di “attacco” al ristagno dei liquidi, tanto successivamente al termine della pressoterapia, aiuta a contrastare la ritenzione idrica, a mantenere il tono muscolare, o comunque i risultati ottenuti, e a tenere lontano un nuovo insorgere dei problemi.

Se pensi avere problemi di ritenzione idrica ti consiglio di leggere: Cellulite o ritenzione idrica?

I risultati di cui parliamo sono principalmente un rimodellamento cutaneo, una riduzione dei gonfiori, un’attenuazione dei dolori e degli stati infiammatori, un’eliminazione dei prodotti di scarto dal corpo, risultati cioè che interessano tanto l’aspetto esteriore del corpo che il suo funzionamento all’interno, cioè dell’organismo.

Infatti, i massaggi che vengono eseguiti con la pressoterapia, favorendo la circolazione sanguigna, consentono di eliminare più facilmente le sostanze nocive dall’organismo.

Quel che possiamo dire a livello di svantaggi è che non potendo garantire dei risultati in un’unica seduta, solitamente la pressoterapia viene eseguita con un ciclo che parte dalle 5 sedute e in alcuni casi può crescere anche in maniera significativa, con ripercussioni altrettanto significative sulle finanze.

Oltre alla questione del prezzo, vi è poi da considerare che la pressoterapia non è consigliata in alcune circostanze, cioè le persone che soffrono di infiammazioni o trombosi venose acute e profonde e le donne in stato interessante per esempio non possono sottoporsi a pressoterapia.

Per questo ricordiamo ancora una volta di consultare sempre il parere di un medico, il quale sa valutare se vi sono le condizioni e i requisiti di base per seguire questa terapia o meno.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here