Iperidrosi cos’è e come sconfiggerla

0
152
iperidrosi sconfiggila

Che cos’è l’iperidrosi

L’iperidrosi è il termine scientifico per indicare i casi di eccessiva sudorazione, ossia quando il corpo produce sudore in quantità maggiore di quella necessaria a mantenere la temperatura corporea. Già, perché il sudore è il mezzo con cui il corpo si difende da situazioni come il caldo, l’umidità, ma anche lo stress, l’ansia, la paura o la fatica fisica, tutte situazioni che alzano la temperatura del corpo.
A queste situazioni, nei casi di iperidrosi, le ghiandole sudoripare (anche dette sudorali) rispondono in maniera abnorme.

L’iperidrosi tendenzialmente si manifesta già durante l’adolescenza e le zone più colpite sono ascelle, mani e piedi. Talvolta – e si parla di iperidrosi emotiva – la causa può essere l’ansia e l’incapacità di gestirla; in tal caso – generalmente – l’iperidrosi si attenua o scompare del tutto con l’età adulta man mano che si impara a tenere a bada le situazioni di stress.

Che cos’è il sudore

Il sudore è 99% acqua e 1% minerali ed è assolutamente inodore, fatta salva la sua capacità di innescare la crescita di batteri, responsabili del brutto odore. E i batteri proliferano soprattutto in quelle parti che solitamente sono chiuse o coperte da peli, come piedi, inguine o ascelle.

Quali sono i rimedi contro l’iperidrosi?

E’ innegabile che soffrire di iperidrosi può essere un grosso problema, non solo a livello estetico, ma anche a livello sociale… Perciò vediamo come fare a sconfiggerla.

Comunemente si ritiene che il solo rimedio per sconfiggere l’iperidrosi sia il deodorante (che – semplicemente – disattiva il cattivo odore grazie a una formulazione antisettica o che disattiva gli enzimi batterici), ma non è propriamente vero.

Il deodorante, in questi casi, infatti, andrebbe evitato a favore di un antitraspirante che, invece, blocca le ghiandole sudoripare (normalmente, si usa il cloruro d’alluminio in gel).
Bisogna tenere però presente che, a lungo andare, questi rimedi – sia pur efficaci – possono causare irritazioni della pelle (come acne) e delle ghiandole sebacee; è quindi buona norma consultare un dermatologo.

Ci sono anche delle regole basilari di comportamento che possono aiutare:

  • usare capi in fibre naturali: prediligere cotone, lino e seta perché fanno respirare la pelle; ammesso anche il lyocell, fibra di ultima generazione derivante dalla cellulosa, altamente traspirante
  • bandire le fibre sintetiche
  • cambiare spesso i vestiti
  • prediligere scarpe traspiranti o aperte
  • depilarsi: i peli possono accentuare la presenza di batteri sulla pelle e i batteri – come abbiamo detto – sono responsabili del cattivo odore; rasarsi le ascelle permette alla pelle di respirare liberamente e più facilmente.

Abbiamo notato che tutte le persone che soffrono di iperidrosi, procedono con la depilazione definitiva, ti consiglio di leggere il seguente articolo: Epilazione permanente pro e contro

Rimedi farmacologici

In casi gravi di iperidrosi, un aiuto arriva anche dai farmaci, talvolta in associazione con infiltrazioni di “tossina botulinica”. Si tratta di iniezioni (alle ascelle, ai palmi delle mani o alle ginocchia) che sono in grado di bloccare temporaneamente le terminazioni nervose che spingono le ghiandole sudoripare a produrre sudore.

Per i casi più difficili interviene la chirurgia

Nei casi estremi si può anche ricorrere alla chirurgia che, attraverso i moderni interventi (chiamati ganglioscetomia oppure simpatectomia), non elimina le ghiandole sudoripare, ma interrompe quell’impulso nervoso che provoca la sudorazione eccessiva. Si tratta di interventi che avvengono in anestesia generale e in via laparoscopica

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here