Certificazione prodotti bio la guida da seguire

0
145

Nell’ambito dei prodotti bio ci sono numerose certificazioni, per acquistare un prodotto sicuro occorre conoscere dettagliatamente le norme in materia di sicurezza.

Esistono diversi marchi che creano confusione, per non avere questo tipo di confusione dovete fare attenzione a dei loghi specifici.

All’acquisto di un cosmetico biologico e naturale occorrerà controllare la presenza del marchio dell’ente certificatore, che garantisce la correttezza del processo produttivo e il rispetto di nome severe per la scelta e l’utilizzo degli ingredienti.

Le certificazioni impongono standard severi da rispettare, scegliere un cosmetico bio certificato significa essere sicuri che conterrà prodotti agricoli e zootecnici derivati da agricoltura biologica certificata.

E’ del tutto escludibile la presenza di sostanze tossiche, dannose o allergizzanti, impiego OGM, sperimentazioni su animali.

Guida alla certificazione idonea

La sicurezza è garantita dall’ ambiente protetto: le piante devono crescere in ambiente protetto, lontane dalle sostanze nocive che servono per la coltivazione tradizionale.
Quando acquistate un prodotto, assicuratevi la provenienza.

I cosmetici biologici certificati hanno ottenuto la certificazione da un ente riconosciuto e garantiscono la provenienza biologica del cosmetico.
Talvolta capita di non essere in possesso di certificazione bio ma rispettare ugualmente l’ambiente, pensiamo ai cosmetici ecologici con estratti vegetali.

In caso di mancato possesso, l’obbligo è contenere sostanze naturali al 95% e controllare l’INCI, ossia l’elenco degli ingredienti.

Da chi sono certificati i prodotti?

In Italia i prodotti di bellezza possono essere certificati da ICEA (Istituto per la Certificazione Etica e Ambientale), oppure dal CCPB (Consorzio per il Controllo dei Prodotti Biologici).

Altri prodotti invece sono marchiati da AIAB.

Sono molti gli enti di certificazione dei cosmetici ma non sono altrettanto numerosi quelli di cui possiamo fidarci.

In questo paragrafo elencheremo le altre certificazioni dei cosmetici bio più autorevoli e di cui ci possiamo fidare.

  • COSMOS, certificazione rilasciata da Icea
  • NATRUE, certificazione migliore per i cosmetici perché si avvale del più importante standard internazionale sulla cosmesi biologica e naturale.
  • L’Associazione per la tutela della qualità biodinamica in Italia (Demeter) è un ente di controllo e certificazione con norme molto restrittive.
  • ECOCERT, assegnata solo ai prodotti che hanno una percentuale di ingredienti naturali e certificati biologici di almeno il 95%.
  • ECOLABEL tiene conto, sì, delle materie prime ma si sofferma anche sull’intero ciclo di vita del prodotto e sugli aspetti sociali ed etici dell’approvvigionamento delle materie prime nonché di tutta la filiera produttiva.
  • CCPB, certifica cosmetici biologici ed è riconosciuto da Natrue, il principale standard internazionale per la certificazione cosmetici biologici.

Le caratteristiche principali dei cosmetici biologici, certificati da ICEA sono:

  • prodotti che non contengono ingredienti vietati dalla certificazione;
  • prodotti che non impiegano OGM;
  • prodotti che non usano radiazioni ionizzanti;
  • impiegano prodotti agricoli e zootecnici primari da agricoltura biologica certificati in tutti i casi in cui sono disponibili.

Leggi in materia di certificazioni

A livello internazionale non c’ è nessuna certificazione che rilascia una normativa, eccetto l’istituto ICEA che ha avviato un percorso di regolamentazione.

La certificazione diventa, quindi, una scelta volontaria perseguita delle imprese più evolute e virtuose che sentono la necessità di fornire ai clienti garanzie maggiori.

L’ importanza delle certificazioni

La mission di qualsiasi certificazione, è l’ottenimento di un cosmetico sicuro ed efficace per il consumatore, ma anche un prodotto oltre che eco-compatibile.

La confezione avviene medianti imballaggi riciclati e biodegradabili, o in certi casi utilizzo di energia proveniente da risorse rinnovabili.

Certificarsi (con enti affidabili) significa anche garantire trasparenza e tracciabilità di ogni materia prima, assicurandosi l’affidabilità del cliente.

I fattori principali ricercati dai consumatori riguardano: basso impatto ambientale sicurezza e salubrità.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here