Affrontare l’arrivo della menopausa: cosa fare e sapere

0
96
meno pausa cosa sapere

La menopausa è un periodo molto delicato, ed al contempo prezioso, per la donna.
Si tratta di un cambiamento ormonale importante che va saputo riconoscere per prepararsi ad affrontarlo al meglio ed evitare altresì che i sintomi siano eccessivamente fastidiosi.



Tutte le fasi della vita della donna sono caratterizzate da una grande presenza e attività ormonale, e quando gli ormoni vengono meno, le difese si abbassano e la donna viene esposta a un maggior numero di problemi.

Per questo motivo è fondamentale intervenire subito e fare della prevenzione, così da vivere il nuovo capitolo della propria vita con serenità.



Cosa è la menopausa



La menopausa coincide con l’interruzione del ciclo mestruale, ma parlare solo di questo è riduttivo.
Infatti, la fine del ciclo comporta l’arresto del periodo fertile e blocca la produzione degli estrogeni e del progesterone, due tipi di ormoni che proteggono principalmente le ossa e la circolazione.

Per questo con la menopausa la donna è esposta a problemi cardiovascolari e all’osteoporosi, ma non solo.
Tutto l’organismo femminile risente del cambiamento ormonale e prendere peso diventa più facile; al contrario, digerire diventa più difficile.



Ma quando si verifica tutto ciò? Dipende.

Nella maggior parte dei casi è dai 45 anni in su, ma tante donne, in seguito a traumi o per predisposizione genetica, entrano in menopausa anche prima dei 40 anni e si intuisce come oggigiorno, con l’avanzare dell’età in cui si fanno figli, questo possa rappresentare già di per sé un problema.



Cosa si intende per pre-menopausa

La fase che precede l’arrivo della menopausa è nota come pre-menopausa: essa può durare un paio di mesi o superare abbondantemente un anno, la durata è ampiamente variabile, è diversa da soggetto a soggetto.
Quel che non cambia è invece l’importanza, quindi quando si notano i primi segnali che il corpo sta preparandosi, occorre prepararsi di conseguenza.

In un certo senso, quindi, la pre-menopausa può essere vista come una fase preparatoria che richiede di prendere nuove abitudini, a livello di alimentazione e stile di vita in generale.

Non bisogna dunque aspettare l’arresto definitivo del blocco del flusso mestruale per rivedere la propria alimentazione e per fare più movimento fisico.



I sintomi della menopausa



Già dalla fase che precede la menopausa vera e propria, si iniziano ad avere problemi a digerire, la digestione diventa più lenta e difficile; si tende ad accumulare grasso nella parte centrale del corpo, cioè sulla pancia. Dimenticatevi del fisico a pera, a mela, a clessidra e tutti gli altri…

in menopausa tutte forme a mela, con l’adipe concentrato sulla pancia!



Degli altri sintomi altamente frequenti sono le vampate di calore, che in alcuni casi diventano proprio insopportabili, l’ipertensione e la secchezza vaginale; tutti sintomi che provocano fastidi, anche a livello psicologico, in fase iniziale, ma che con il tempo diventano normali, soprattutto se si riesce a tenerli sotto controllo.



Come vivere bene durante la menopausa

In menopausa si vive bene, è il momento del cambiamento che è delicato e va saputo gestire intervenendo tempestivamente.
Innanzitutto, l’arrivo di questa nuova fase dovrebbe dare l’incentivo a fare un po’ di sana prevenzione.

Medici e ginecologi consigliano infatti di accettare di buon grado la menopausa e di coglierla come un’occasione per sottoporsi ad un checkup generale ed eseguire almeno un pap test, una mammografia e degli esami del sangue.

La menopausa va accolta con positività perché non è grave, non è una malattia.

Sono le persone che non prendono i dovuti accorgimenti a ritrovarsi a vivere male la fine del periodo fertile.
Molto spesso esso corrisponde anche alla fine delle attività sessuali perché si prova dolore e bruciore a livello vaginale.
La secchezza vaginale è uno dei sintomi più comuni della menopausa, ma anch’esso può essere superato con dei gel specifici ed una maggiore idratazione.

Cosa mangiare in menopausa

Per evitare che i disturbi della menopausa abbiano un’incidenza eccessivamente negativa sulla qualità della propria vita, oltre a fare delle passeggiate all’aria aperta, magari a passo sostenuto, e sfruttare ogni occasione per stare fuori casa, è importante rivedere le proprie abitudini alimentari.

Dato che la naturale protezione ossea subisce una notevole riduzione, occorre fare il pieno di quegli alimenti in grado di proteggere dai danni che l’invecchiamento provoca, nonché consumare alimenti poco calorici, facilmente smaltibili e digeribili.

La dieta ideale dovrebbe quindi essere a base di pesce azzurro, carne bianca, verdura, frutti rossi, frutta secca, cereali integrali e fibre.
Molto utile per alcune donne è la soia, che dà un grande contributo al calo degli estrogeni ed allieva quindi il sintomo delle vampate di colore.
A riguardo tuttavia ci sono pareri discordanti, quindi prima di assumerla è consigliabile consultare il proprio medico o ginecologo.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here